HipHopMN

1) Ciao dallo staff di Hiphopmn!
Iniziamo per gradi. Qual è l origine della crew?
Redribbon è un riferimento al famoso manga ‘Dragonball’?
Ci sono dei cardini fondamentali sui quali vi basate?

JasonTodd: Grazie per averci ospitati nel vostro sito.
Ovviamente il nome RedRibbon è riferito al manga DragonBall, però, oltre a essere una sorta di tributo al manga stesso, ci piaceva l’idea di accomunare il concetto di “esercito” e di guerra che ne consegue a un contesto “ironico” come quello della saga di Akira Toriyama.

2) Perché secondo voi una nuova dinastia?
Ce n’è forse la necessità?
Di cosa è metafora la tigre?

Ande Dantés: La nuova dinastia rappresenta una freschezza e aria di cambiamento in un ambiente che ormai ha provato quasi tutto. Noi ci proponiamo sotto questa nuova prospettiva ,servendoci appunto anche dell’immagine della tigre, animale simbolo dei “predatori Alfa”. Inoltre è anche un modo per ricordare il nostro primo mixtape fatto in età adolescenziale e mai pubblicato ,”Tana delle tigri’ .

3) Cosa intendete quando affermate che l’old school non esiste?

JasonTodd: Abbiamo sempre ritenuto stupido e superfluo il dibattito tra “old” e “new”, dire che “non esiste” è anche un modo per distaccarsi da tutto ciò.

4) Passiamo al sound. La scelta della trap music è stata fatta in base all’attuale trend o è dovuta a una necessità espressiva?

Ande Dantés: Una necessità espressiva, anche se hanno inciso sulla scelta le influenze della musica che ascoltiamo già da qualche anno, l’inizio del tape risale a un anno e mezzo fa ormai, quindi la trap music la utilizziamo già da un po’ di tempo.
5) Rimanendo sulla parte musicale, il sound è lineare per tutto il disco tranne in ‘Non è mia la colpa’: è un caso che il pezzo più malinconico abbia un sound più classico?

JasonTodd: Ritornando alla necessità espressiva credo che un testo come “Non è mia la colpa” necessitava di un suono diverso, meno “aggressivo” . Ci faceva anche piacere spezzare un po il ritmo del tape con un pezzo più riflessivo che per quanto parli di noi possa coinvolgere un po tutti.

6) Anche 2Pac e i Naturally 7 hanno campionato Phill collins.
Il vostro outro ha dunque un valore simbolico?

Ande Dantés: In realtà no, non ricerchiamo molto di calcare i passi del passato, non siamo nostalgici su questo punto di vista. Però mi piace molto lavorare con i campionamenti di artisti stranieri, soprattutto se sono storici, danno molta fluidità alle tracce.

7) Siamo giunti alla fine. C’è un messaggio che volete lasciare a chi vi sta leggendo?

Ande Dantés: Il messaggio è quello di investire sempre su se stessi, viviamo sicuramente in un epoca di rivoluzione in tutti i campi, e ogni idea potrebbe essere quella vincente.
JasonTodd: Il messaggio che si può lanciare è solo un auguri di ascoltare della buona musica, oggi ce n’è tanta basta saper scegliere, e ovviamente seguite i RedRibbon QUI.

 




Condividi con:

FacebookTwitterGoogleTumblrPinterest

Scrivi un Commento